AFTE

Per proteggere e trattare piccole lesioni della mucosa orale

Le afte sono lesioni superficiali della mucosa orale

Si formano all’interno della bocca, sui tessuti molli come palato, guance, lingua o alla base delle gengive. In caso di afte l’epitelio della bocca risulta danneggiato e lascia esposto il tessuto connettivo sottostante, per questo motivo si generano fastidio e dolore, conseguenti alla generale condizione infiammatoria.

Un disturbo molto diffuso

Questa problematica è molto comune e colpisce circa il 20% della popolazione generale. L’esordio avviene spesso durante l’infanzia o l’adolescenza e la condizione di solito dura per parecchi anni prima di scomparire gradualmente.

Le cause sono ad oggi poco chiare

L’origine e il meccanismo di comparsa non sono del tutto noti, ma si pensa che alla base ci siano meccanismi che coinvolgono le difese immunitarie. Per le forme ricorrenti è nota una certa familiarità e molti fattori sono stati indicati come predisponenti o scatenanti la formazione delle afte in concomitanza di stress psicofisico o febbre.

Quando si soffre di afte alla bocca

La manifestazione è particolarmente dolorosa e si possono avvertire arrossamento, bruciore e gonfiore dei linfonodi sotto la mandibola. Tra i principali fattori che ne favoriscono la comparsa si annoverano traumi locali come quelli causati da protesi mobili, denti fratturati o cibi taglienti, stress sia fisico che mentale, intolleranza ad alcuni cibi come per esempio cioccolato, caffè, arachidi, mandorle, cereali, fragole, formaggi, pomodori, farina di grano duro (con glutine).

Filtra
Tipologia
Zona